it | en

News

17/09/2014 – Inaugurazione mostra REFIORE foto di Fabio Di Carlo

Una linea dellʼorizzonte che si alza quasi a rovesciarsi su chi guarda, uno specchio amplificatore della scena, lo spettatore incluso illusoriamente nello spazio rappresentato e lʼuso di più fonti luminose che moltiplicano ombre e riflessi. E come allora la pitture, qui la fotografia restituisce dignità al panneggio di velluto e al giocoso grafismo delle uova di quaglia, alla moltitudine di insetti che popolano il quotidiano e ai merletti finemente lavorati, al vitale gioco cromatico dei fiori e al fumo grigio di una candela spenta. Espressioni del continuo divenire del ciclo della vita.

"Refiore nasce dalla giovane memoria che mi accompagna nel recuperare la luce dei pittori fiamminghi a cavallo fra il XVII e il XVIII secolo. Un percorso fatto di sensi (olfatto, gusto e vista) che mi hanno allontanato dalla fotografia in quanto tale, per cercare atmosfere sospese, immutate e ricche di luce - la luce pittorica fiamminga - che a differenza di quella italiana (Caravaggio), era più generosa, dava a tutti gli elementi della composizione un giusto valore percettivo. Quindi i particolari erano importanti, tanto quanto gli elementi principali. Ogni elemento, ogni dettaglio è stato curato nella sua ricerca iconografica e posizionato con cura e rispetto. I fiori sono quelli del periodo (peonie, anemoni, rose, lavande…), che tanto piacevano ai pittori che li dipingevano. Refiore incontra il colore, la luce, i sensi... Questo è solo un punto di partenza, nella rappresentazione del fiore nei diversi periodi storici che mi vedrà impegnato in futuro." (Fabio Di Carlo)