it | en

Mostre I Giorni dell'Alluvione

Balthazar Korab è stato uno dei più ricercati fotografi professionisti di architettura negli Stati Uniti nel corso degli anni '60. Korab spesso raccontava che la sua vita e la sua carriera erano state plasmate più da coincidenze che da qualsiasi piano premeditato. Nell'autunno del 1966 Korab aveva deciso di prendere una pausa con un anno sabbatico in Italia con sua moglie ed i suoi figli e fu cosi che si trovò casualmente a Firenze durante gli eventi del 4 novembre 1966. Dopo due settimane di pioggia battente il fiume Arno era salito ai livelli più alti dal 1333 creando uno dei disastri naturali più dannosi nella storia di Firenze.
I Korab si erano appena sistemati in un piccolo appartamento sulle colline di Settignano, quando si svegliarono la mattina presto al termine delle inondazioni che avevano sommerso il centro di Firenze. Con la sua fotocamera Hasselblad in medio formato e cinque rullini di pellicola, Korab si fece strada a Firenze per documentare gli eventi drammatici. Si mosse attraverso le acque gelide - in alcuni momenti sommerso fino al petto - per scattare alcune delle immagini più straordinarie dell'alluvione e delle sue immediate conseguenze. La mattina dopo si recò a Roma per far sviluppare i rullini. Nei giorni e nelle settimane seguenti l'alluvione, Korab continuò a documentare i danni agli edifici della città, ai monumenti, alle opere d'arte e gli enormi sforzi da parte di professionisti e volontari che aiutarono a recuperare le preziose opere d'arte della Galleria degli Uffizi, dell'Istituto e del Museo di Storia della Scienza e della Biblioteca Nazionale.

Testo di John Comazzi
Associate Professor of Architecture, Affiliate Faculty in Landscape Architecture College of Design - University of Minnesota